Gli eventi

METAMORFOSI

spettacolo

GRUPPO E-MOTION- Produzione COMPAGNIA BORDERLINE

Parco del Castello - il 16/07/2017 ore 21:30

Concept, coreografia e regia: Claudio Malangone

Autori/interpreti: Adriana Cristiano, Natalia Cristofaro, Luigi Aruta, Alessandro De Santis Antonio

Formisano, Francesca Montesanto, Giada Ruoppo

Musiche: AAVV

Rielaborazione musicale Alessandro Capasso

Video: Checco Petrone, Ugo Petillo

Disegno luci e scene: Francesco Ferrigno

Costumi: Alessandro De Santis, Michela Chirico

Produzione: BorderlineDanza, RAID Festival

Con il sostegno di: MIBACT, Regione Campania,



danza/video

La trasformazione del conflitto. Le Metamorfosi di Ovidio entrano in una singolare risonanza con la nostra epoca preoccupata dal mito di un cambiamento continuo.

Confrontando l'ordine e il caos e immergendosi nell'immaginario fantastico di Ovidio con epoche e spazi diversi, ci siamo chiesti in che modo queste metamorfosi possono rimandarci ai nostri miti quotidiani. L'approccio a questi miti sarà così per noi occasione di riflessione sulle forze che costituiscono la natura umana, sulla manifestazione del desiderio, sull'eterna lotta tra bene e male, sulle ambiguità legate alle strategie dello sguardo. Evocare un antico altrove per interpretare meglio la nostra contemporaneità.

(in caso di maltempo Auditorium del Parco)



Dove si svolge

Parco del Castello

Tutti gli spettacoli che si svolgono a Parco del Castello

Il parco del Castello e’ la zona verde che cinge il Forte Spagnolo. Un enorme parco alberato, autentico polmone verde cittadino.
Un parco realizzato attorno al castello cinquecentesco, la fortezza dell’Aquila che venne costruita nel corso di un grandioso progetto di rafforzamento militare del territorio avvenuto durante la dominazione spagnola in Italia meridionale nella prima meta’ del cinquecento.
Mai usato per scopi bellici, fu usato nel seicento come residenza del governatore spagnolo e poi come alloggio per i soldati francesi nell’ottocento e per i tedeschi nell’ultima guerra mondiale. Nel 1951 fu restaurato ad opera della Soprintendenza ai monumenti e gallerie d’Abruzzo e Molise. E’ sede del museo nazionale d’Abruzzo.
Danneggiato dal terremoto, non e’ ancora agibile.
All’interno del parco del Castello, entrando dalla Fontana Luminosa, dopo il sisma e’ stato costruito un Auditorium progettato dall’architetto Renzo Piano su idea di Claudio Abbado e finanziato dalla provincia autonoma di Trento. Questo per restituire alla citta’ uno spazio culturale a disposizione delle molteplici attività che si realizzano in citta’.