Gli eventi

David Riondino e Dario Vergassola
in La traviata delle camelie

spettacolo

SOCIETÀ AQUILANA DEI CONCERTI

Parco del Castello - il 03/08/2017 ore 21:30

Marguerite e Violetta: donne sull’orlo di una crisi respiratoria
Beibei Li soprano
Fabio Battistelli clarinetto
Augusto Vismara violino
Riviera Lazeri violoncello


La traviata delle camelie - Marguerite e Violetta: donne sull’orlo di una crisi respiratoria

Un viaggio attraverso musica e letteratura, da “La Traviata” di Giuseppe Verdi a “La Dama delle Camelie” di Alexandre Dumas, quello che porta sulle scene l’ormai collaudata coppia di attori: David Riondino e Dario Vergassola. Lo spettacolo si snoda sull'interazione tra loro due. Riondino è il fine dicitore, ovvero l’attore serio, impegnato a divulgare la vera storia della Traviata, mentre Vergassola, l'incredulo spettatore, interpreta, con la sua comicità, il ruolo del disturbatore, che spesso interrompe il racconto per accostare alla trama originale alcune storie di cronaca e attualità. Sul palco assieme ai due mattatori il soprano cinese Beibei Li: una Traviata che si racconta attraverso le famose arie, accompagnata dall’ensemble composto da Fabio Battistelli, al clarinetto, Augusto Vismara al violino e Riviera Lazeri, al violoncello, che eseguirà le musiche originali del capolavoro verdiano. Situazioni drammatiche e dissacranti si alternano in questo spettacolo brioso ed esilarante. Non mancano richiami alla colpa, al peccato, alla gelosia, alla redenzione e alla felicità, che sono i motori dei principali comportamenti umani, ma anche sentimenti spesso eccessivi sui quali la satira si impone.

Dove si svolge

Parco del Castello

Tutti gli spettacoli che si svolgono a Parco del Castello

Il parco del Castello e’ la zona verde che cinge il Forte Spagnolo. Un enorme parco alberato, autentico polmone verde cittadino.
Un parco realizzato attorno al castello cinquecentesco, la fortezza dell’Aquila che venne costruita nel corso di un grandioso progetto di rafforzamento militare del territorio avvenuto durante la dominazione spagnola in Italia meridionale nella prima meta’ del cinquecento.
Mai usato per scopi bellici, fu usato nel seicento come residenza del governatore spagnolo e poi come alloggio per i soldati francesi nell’ottocento e per i tedeschi nell’ultima guerra mondiale. Nel 1951 fu restaurato ad opera della Soprintendenza ai monumenti e gallerie d’Abruzzo e Molise. E’ sede del museo nazionale d’Abruzzo.
Danneggiato dal terremoto, non e’ ancora agibile.
All’interno del parco del Castello, entrando dalla Fontana Luminosa, dopo il sisma e’ stato costruito un Auditorium progettato dall’architetto Renzo Piano su idea di Claudio Abbado e finanziato dalla provincia autonoma di Trento. Questo per restituire alla citta’ uno spazio culturale a disposizione delle molteplici attività che si realizzano in citta’.