Gli eventi

GINO PAOLI “Musica… Senza fine”

spettacolo

ASSOCIAZIONE I SOLISTI AQUILANI in collaborazione con La compagnia di danza Gruppo e-MOTION

Parco del Castello - il 02/08/2017 ore 21:30

I SOLISTI AQUILANI 
Stefano Fonzi direttore

musiche e testi di Gino Paoli

Francesca La Cava coreografie
Roberto Tarenzi pianoforte
Luca Bulgarelli contrabbasso
Pasquale Angelini batteria



Riconosciuto come uno dei più  grandi rappresentanti della musica leggera italiana, Gino Paoli ha scritto e interpretato brani indimenticabili, quali Il cielo in una stanza, La gatta, Che cosa c'è, Senza fine, Sapore di sale, Una lunga storia d'amore, Quattro amici, Ti lascio una canzone, Averti addosso, Vivere ancora e tanti altri.
Sempre pronto a nuove sfide, oggi interpreta le sue canzoni accompagnato da un organico cameristico composto da archi e clarinetto e da un trio jazz d’eccezione che vede Roberto Tarenzi al pianoforte, Luca Bulgarelli al contrabbasso e Pasquale Angelini alla batteria.
Novanta minuti di grande musica per ripercorrere le tappe più significative di una lunga carriera.
Le versioni dei brani, arrangiate ad hoc dal M° Stefano Fonzi, contaminate da linguaggi moderni che spaziano dal pop al jazz, lasciano    spazio alle emozioni, che già negli anni '60 il grande poeta genovese ci regalava, tornando indietro nel tempo, ma con un linguaggio sempre più attuale.

Ad arricchire ulteriormente il repertorio saranno i brani più noti di Luigi Tenco, che il cantatutore genovese vuole ricordare in occasione dei cinquanta anni dalla sua scomparsa.

Dove si svolge

Parco del Castello

Tutti gli spettacoli che si svolgono a Parco del Castello

Il parco del Castello e’ la zona verde che cinge il Forte Spagnolo. Un enorme parco alberato, autentico polmone verde cittadino.
Un parco realizzato attorno al castello cinquecentesco, la fortezza dell’Aquila che venne costruita nel corso di un grandioso progetto di rafforzamento militare del territorio avvenuto durante la dominazione spagnola in Italia meridionale nella prima meta’ del cinquecento.
Mai usato per scopi bellici, fu usato nel seicento come residenza del governatore spagnolo e poi come alloggio per i soldati francesi nell’ottocento e per i tedeschi nell’ultima guerra mondiale. Nel 1951 fu restaurato ad opera della Soprintendenza ai monumenti e gallerie d’Abruzzo e Molise. E’ sede del museo nazionale d’Abruzzo.
Danneggiato dal terremoto, non e’ ancora agibile.
All’interno del parco del Castello, entrando dalla Fontana Luminosa, dopo il sisma e’ stato costruito un Auditorium progettato dall’architetto Renzo Piano su idea di Claudio Abbado e finanziato dalla provincia autonoma di Trento. Questo per restituire alla citta’ uno spazio culturale a disposizione delle molteplici attività che si realizzano in citta’.