Gli eventi

MONTESANO CANTA TROVAJOLI

spettacolo

Istituzione Sinfonica Abruzzese

Parco del Castello - il 25/07/2015 ore 21:30

Roberto Molinelli, direttore e arrangiatore
Enrico Montesano, voce


Montesano canta Trovajoli” è un vero e proprio one man show in cui Montesano interpreta quelle che sono diventate le intramontabili colonne sonore della musica italiana, arrangiate per l’occasione dal Maestro Roberto Molinelli, rendendo omaggio al grande Trovajoli. Da “Roma nun fà la stupida stasera” a “Ciumachella de Trastevere”, da “La ballata di Rugantino” a “‘N zai che pacchia”, un excursus sulle meravigliose note delle commedie musicali italiane. Tra una canzone e un’altra Montesano riporta alla memoria piccole perle di illustri personaggi come Delia Scala, Alida Chelli e Aldo Fabrizi, antichi retroscena da condividere con il pubblico che lo ama e lo segue da sempre. Da accattivante affabulatore quale è, non disdegna qualche incursione satirica sui fatti dei nostri giorni!

Dove si svolge

Parco del Castello

Tutti gli spettacoli che si svolgono a Parco del Castello

Il parco del Castello e’ la zona verde che cinge il Forte Spagnolo. Un enorme parco alberato, autentico polmone verde cittadino.
Un parco realizzato attorno al castello cinquecentesco, la fortezza dell’Aquila che venne costruita nel corso di un grandioso progetto di rafforzamento militare del territorio avvenuto durante la dominazione spagnola in Italia meridionale nella prima meta’ del cinquecento.
Mai usato per scopi bellici, fu usato nel seicento come residenza del governatore spagnolo e poi come alloggio per i soldati francesi nell’ottocento e per i tedeschi nell’ultima guerra mondiale. Nel 1951 fu restaurato ad opera della Soprintendenza ai monumenti e gallerie d’Abruzzo e Molise. E’ sede del museo nazionale d’Abruzzo.
Danneggiato dal terremoto, non e’ ancora agibile.
All’interno del parco del Castello, entrando dalla Fontana Luminosa, dopo il sisma e’ stato costruito un Auditorium progettato dall’architetto Renzo Piano su idea di Claudio Abbado e finanziato dalla provincia autonoma di Trento. Questo per restituire alla citta’ uno spazio culturale a disposizione delle molteplici attività che si realizzano in citta’.